L’esoterismo: diffusione e volti

esoterismo1Sia che lo considerano una scienza o lo pratichino come una religione, i seguaci dell’esoterismo, che sono ormai milioni di persone (giovani e adulti), più si sono allontanati dagli insegnamenti biblici, più si sono attaccati al loro credo perché vi trovano teorie e pratiche che ricordano le superstizioni del passato che provengono direttamente dal paganesimo. Come mai questo riflusso del passato sull’uomo computerizzato? Sara forse dovuto al fatto che la Globalizzazione abbia defraudato l’uomo della sua individualità e di quei valori che lo hanno sempre caratterizzato come un essere trascendente?

Il dr. Kurt E. Koch, afferma:

“Possiamo notare che l’abbandono della fede in Dio rende finalmente l’uomo schiavo della magia e delle forze occulte” (op. cit., pag. 73 – cit. da Christian Klopfenstein, “La Bible e la santé”, Le pensée Universelle, Paris).

La Parola di Dio annunciava:

“Ma lo spirito dice espressamente che nei tempi a venire alcuni «cristiani» apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine dei demoni” (1Timoteo 4:1).
“Dopo queste cose vidi scendere dal cielo un altro angelo che aveva una grande autorità, e la terra fu illuminata dal suo splendore. Egli gridò con voce potente: «È caduta, è caduta Babilonia la grande! È diventata ricettacolo di demoni, covo di ogni spirito immondo, rifugio di ogni uccello impuro e abominevole. Perché tutte le nazioni hanno bevuto del vino della sua prostituzione furente, e i re della terra hanno fornicato con lei, e i mercanti della terra si sono arricchiti con gli eccessi del suo lusso» (Apocalisse 18:1-3)

Nella prospettiva profetica, Babilonia è il simbolo di una società opulenta, ma senza «anima», inquieta, disorientata e vagabonda e priva d’identità che cerca di dare un significato alla vita richiamandosi al passato, al mondo dell’occulto e dei misteri.

Che cos’è l’esoterismo

Che cos’è l’esoterismo? Con questa parola s’intende «tutto ciò che è conosciuto da una ristretta cerchia di persone e non può essere svelato pubblicamente, come un particolare tipo di magia, le tecniche per la lettura della mano o delle carte, le formule per l’evocazione degli spiriti, i segni utilizzati per stabilire un patto con il diavolo».

Esoterismo è qualcosa di misterioso, di segreto, di occulto. E’ un linguaggio conosciuto soltanto da pochi eletti, che lo utilizzano per i loro scopi. Perciò, di fatto, l’esoterismo è un modo per esercitare un potere nei confronti di qualcuno.

Chi esercita il potere? Gli «iniziati». Ovvero, i pochi eletti che sono stati ammessi alla conoscenza di qualche culto o magia particolare, come gli astrologi, i cartomanti, gli stregoni e i maghi di ogni genere.

Gli iniziati esercitano un gran potere nei confronti di altri che, spesso, sono persone deboli, fragili, in crisi, in difficoltà. Sono persone che stanno attraversando un momento critico nella loro vita, che cercano risposte immediate ai propri interrogativi o una soluzione ai loro problemi.

L’iniziato dice: «Io ho il potere di guarirti. Ho il filtro magico che ti permetterà di trovare l’amore che stai cercando». Oppure: «Attraverso la lettura delle carte posso aiutarti a conoscere il tuo destino». Oppure: «Questo amuleto ha un potere immenso e cambierà completamente la tua vita». O ancora: «Sono in grado di metterti in contatto con lo spirito di tuo fratello, che è morto l’estate scorsa in un incidente stradale.

Diffusione

Come si diffonde il «virus» dell’esoterismo? Quali sono le cause dell’epidemia esoterica che colpisce le nuove generazioni?

I giovani pensano che l’esoterismo sia qualcosa di bello, di simpatico, d’affascinante. Credono di trovare nell’occultismo un alleato per risolvere i propri problemi. E così, si avvicinano con fiducia alle pratiche magiche, allo spiritismo e al satanismo, senza accorgersi che stanno scherzando col fuoco.

  1. La ricerca dell’appartenenza (senso della comunità);
  2. la ricerca di risposte;
  3. la ricerca dell’integrità (Holismo) o compiutezza;
  4. la ricerca dell’identità culturale;
  5. il bisogno di essere riconosciuto, di essere speciale;
  6. la ricerca di trascendenza;
  7. il bisogno di una direzione spirituale;
  8. il bisogno di visione;
  9. il bisogno di partecipazione e di impegno.

Allargando di più il fuoco d’osservazione e finalizzando al tema che stiamo affrontando, sintetizzerei le motivazioni che spingono all’esoterismo in tre grandi filoni:

1. Bisogni spirituali: che muovo alla ricerca di verità, ricerca di esperienza spirituale, ricerca di risposte trascendenti.

2. Bisogni psicologici: che muovono alla ricerca di identità, ricerca di sicurezza (di punti fermi, di guida, di direzione), ricerca di senso di appartenenza (condivisione di esperienze, di valori, di linguaggio, aiuto reciproco), ricerca di un ruolo (bisogno di impegnarsi attivamente, di sentirsi utili, di essere riconosciuti e valorizzati, di uscire dall’anonimato), ricerca terapeutica (guarigione da problemi psichici, o più comunemente uscita dalla sofferenza o dall’insoddisfazione interiore, superamento del senso di limitatezza personale o di inadeguatezza).

“Oggigiorno tutto sembra congiurare contro i progetti per la vita, i legami duraturi, le alleanze eterne, le identità immutabili. Non possiamo più contare, a lungo termine, sul posto di lavoro, sulla professione, e nemmeno sulle proprie capacità… Non possiamo più basarci sulla vita di coppia o sulla famiglia: si sta insieme quel tanto che basta finché uno dei due partner sia soddisfatto; il legame sin dall’inizio è concepito nell’ottica di «si vedrà»… Il presente è caratterizzato da una sorta di «morale del vagabondo»”. (Zygmunt Bauman, cit. da Ulrich Beck, I rischi della libertà, Ed. Mulino, p.7, 2000)

3. Bisogni egocentrici: ricerca di potere materiale (denaro, successo, dominio sugli avvenimenti e sugli altri), ricerca di potere personale (ricerca di poteri straordinari, occulti, paranormali), ricerca di sviluppo del proprio potenziale umano (affermazione esasperante de sé), ricerca di vie di superamento dei limiti consueti (sperimentazione di nuovi livelli di coscienza, ricerca volontaria di stati alterati della coscienza.

Giuseppe Ferrari, segretario nazionale del Gris (Gruppo ricerca e d’Informazione sulle Sette), ha identificato alcune possibili strade che conducono al contatto con il mondo del satanismo: «La frequentazione di ambienti esoterici, magici e occultisti, unita al desiderio di spingere oltre per sperimentare sempre nuove vie di “conoscenza”; la partecipazione a sedute spiritiche, per evocare entità particolari, durante le quali non è difficile arrivare a evocare spiriti demoniaci e incontrare chi partecipa anche a riti satanici; il ricorso alla cosiddetta “magia nera” per affrontare e tentare di risolvere problemi di vario genere; l’attrazione idolatrica mostrata nei confronti di alcuni personaggi e fenomeni musicali ai quali è concesso, attraverso i messaggi delle loro canzoni, di bestemmiare, di invitare al suicidio, all’omicidio, alla violenza, alla perversione sessuale, all’uso di droga, alla necrofilia; l’attrazione per l’horror, il macabro, la violenza fine a se stessa, la pedofilia, diffusi nella società attraverso vari mezzi fino a desiderare esperienze dirette in ambienti che si ispirano a tali concetti e comportamenti» (G. Ferrari, I cristiani di fronte alle sette, supplemento a La domenica, n° 3, giugno 1997, San Paolo, pag. 25).

Le maschere dell’esoterismo

Un grande equivoco, che trae in inganno tantissimi ragazzi, è quello di credere che esista una magia «buona» (la magia bianca) e una magia «cattiva» (magia nera).

Nulla di più falso. Non esistono magie buone e magie cattive. Tutta la magia, di fatto, o cattiva e pericolosa, in quanto pone l’uomo in una condizione di schiavitù e di condizionamento psicologico.

I ragazzi di oggi sono bombardati da una serie di messaggi che li portano a simpatizzare per la magia, nelle sue diverse espressioni. Sono messaggi che arrivano dalla musica, dalle discoteche, da certe riviste per adolescenti, dalla televisione e da altri mezzi di comunicazione.

Pensiamo, solo per fare un esempio, alla «pubblicità» che viene fatta alla magia da un gruppo rock italiano molto popolare: gli Opera IX, famoso per i suoi spettacolari concerti. La cantante del complesso, Cadaveria, ha rivelato: «Tutti i membri degli Opera IX, chi più chi meno, sono interessanti all’occultismo e al recupero delle antiche tradizioni pagane. La nostra musica diventa quindi un “Atto rituale” volto a celebrare le credenze degli antichi popoli, onorare gli spiriti supremi e liberare le energie occulte delle dimensioni e degli universali paralleli. In questi atti evocativi ricoprono un ruolo fondamentale le nostre esperienze personali in ambito occulto, i testi che leggiamo e ovviamente le nostre inclinazioni, i nostri sogni e le nostre fantasie criptche e malate» (U. Carminati, Opera IX, in Flash, agosto 2000).

La musica degli Opera IX è, dunque, un «atto rituale», che si ispira a una vera e propria filosofia di vita. «Sostanzialmente» ha aggiunto la cantante Cadaveria, «crediamo nella possibilità dell’uomo di varcare le soglie dello “sconosciuto” e di dominare il “Mondo delle ombre” utilizzando la propria volontà, educando la propria mente e coltivando il “desiderio”. E’ una questione di consapevolezza di sé e delle proprie capacità, ma anche di umiltà e di intelligenza. Nei se atti del disco The Black Opera abbiamo immaginato di far compiere questo percosso verso la conoscenza delle verità a u occultista – guerriero. Nel ruolo guida abbiamo scelto Shatyan, Lucifero, portatore di luce, una luce diabolica che incarna l’intelligenza e il dominio supremo dei poteri occulti» (Ibidem).

Tutti i volti dell’esoterismo

Astrologia. E’ la pratica che studia il futuro e la personalità con l’aiuto degli astri. Viene considerata del tutto innocente, eppure può rappresentare un primo passo ver­so interessi esoterici più grandi. Tanti giovani, purtroppo, credono ciecamente nell’oroscopo e nei segni zodiacali. Non a caso, quando conoscono un nuovo amico, gli pon­gono spesso la domanda: «Di che segno sei?».

Chiromanzia. E’ la lettura della mano. Consiste nell’in­terpretazione dei segni presenti sul palmo della mano, per conoscere il destino e il carattere di una persona.

Cartomanzia. E’ la lettura dei «Tarocchi». Attraverso la scelta di un certo numero di carte, con particolari dise­gni, si cerca di conoscere il futuro di una persona

Amuleti e talismani. Sono tutti quegli oggetti ai quali si attribuisce un potere magico. I più comuni sono pietre, collanine, anellini e cristalli. Portandoli addosso, ci si illu­de di avere maggiore fortuna e di cambiare la propria vita.

Filtri magici. Sono particolari intrugli, creati dai ma­ghi, che dovrebbero avere il potere di risolvere i problemi delle persone. In realtà, molti ragazzi se li preparano da soli. C’è chi li beve e chi li fa bere, pensando di raggiun­gere un particolare scopo, soprattutto in campo senti­mentale.

Riti e formule magiche. Vengono praticati dai maghi. Anche in questo caso, fra i giovani va di moda il «fai da te» Molti ragazzi sono soliti recitare formule magiche o praticare riti esoterici per le ragioni più disparate: per conquistare un ragazzo, superare un esame a scuola o anche a ­vincere una partita di calcio.

Spiritismo. E’ la pratica con cui si invocano le anime dei morti, pensando di parlare con loro. Necessita, in genere di una persona che faccia da tramite con l’aldilà, chiamata «medium». Le cosiddette «sedute spiritiche» sono molto popolari fra i ragazzi, che a volte le praticano per gioco. Ma si tratta di un gioco rischioso, che può con­durre su sentieri molto pericolosi.

Satanismo. E’ il culto del diavolo, che sembra diventare sempre più popolare fra i giovani. In alcuni casi, può spingere i ragazzi a compiere riti sacrileghi, come il furto delle ostie consacrate nelle chiese o di teschi e ossa nei cimiteri­. Qualcuno può arrivare anche all’omicidio, come supremo sacrificio da offrire a Satana.

Chiaroveggenza. E’ una facoltà secondo la quale alcune persone riuscirebbero a conoscere il futuro o il destino delle persone. Il meccanismo è lo stesso della cartomanzia e della chiromanzia.

Il pendolino. E’ un oggetto «magico» legato a un filo. Oscillando da una parte o dall’altra, dovrebbe dare rispo­ste a particolari domande sul proprio futuro. Negli ultimi anni è diventato molto popolare fra i giovani, per colpa di alcune trasmissioni televisive che lo hanno utilizzato per tentare di conoscere in anticipo i risultati delle partite di calcio.

L’I-King. E’ un vecchio metodo di divinazione che i Ci­nesi utilizzano per conoscere il futuro. Si basa su otto «trigrammi» (sequenze di linee intere e spezzate) che, se­condo una leggenda, apparvero anticamente come segni incisi sul guscio di una tartaruga. L’I-King è comparso anche in forma semplificata, su riviste per bambini e per ragazzi.

Numerologia. Consiste nell’interpretare il significato dei numeri della propria data di nascita o qualche altro evento particolare. Attraverso una serie di calcoli, si dovrebbe ottenere le previsioni del futuro o un ritratto della propria personalità.

I sogni «rivelatori». Molti giovani credono di poter trovare nei sogni previsioni per il futuro, attraverso immagini simboliche che dovrebbero svelare il proprio destino. C’è anche chi cerca di interpretare i sogni per trovare i numeri giusti da giocare al Lotto. Esoterismo è la cultura del non fare e il rischio del vuoto.

 “Non vi rivolgete agli spiriti, né agli indovini; non li consultate, per non contaminarvi per mezzo loro… E se qualche persona si volge agli spiriti e agli indovini per prostituirsi dietro a loro, io volgerò la mia faccia verso quella persona e la sterminerò di fra il suo popolo… Non si trovi in mezzo a te… né chi consulti gli spiriti, né chi dica la buona fortuna, né negromante; perché chiunque fa queste cose è in abominio all’Eterno; e, a motivo di queste abominazioni, L’eterno il tuo Dio, sta per cacciare quelle nazioni dinanzi a te” . (Levitico 19: 31; Deuteronomio 18: 10-12)

Questa conferenza è stata tratta, in parte, dal libro di: Carlo Climati “I giovani e l’esoterismo”, ed. Paoline, Milano 2001

“La tua parola è una lampada al mio piè!”

Esoterismo       Torna su
Share Button