Oltre l’incomprensione, la fiducia

Cosatto Specchio ELEONORA bianco anticato oro“Ora vediamo come in uno specchio, in modo oscuro; ma allora vedremo a faccia a faccia; ora conosco in parte; ma allora conoscerò pienamente, come anche sono stato perfettamente conosciuto” (1Corinzi 13:12).

Io non sono onnisciente, vivo nel tempo e nello spazio che delimitano la mia esistenza e definiscono il mio essere creatura, e pertanto non conosco “il mistero del peccato e del male”. So che il peccato ha stravolto la natura umana nel suo DNA e la creazione, e in questa tragedia, in qualche modo, è stato coinvolto anche l’universo. Ma so anche che grazie all’amore di Dio tutto questo finirà com’è scritto in Apocalisse 21: 1-8.
Di fronte a Dio, l’uomo è come un bambino incapace di cogliere il pensiero e l’agire del padre, ma sente nel profondo del suo cuore che egli lo ama e che le sue promesse rassicuranti si realizzeranno. Quindi si affida.

Quello che a noi manca, oggi, è proprio il senso di affidamento a Gesù Cristo. Capire che la ragione ha i suoi limiti e che questi dovrebbero sfociare in un atto di abbandono e di fiducia. In fondo. possiamo paragonare la fede a un contenitore dove versiamo i nostri dubbi e le nostre perplessità nell’attesa che siano compresi al ritorno di Cristo.

Pretendere di capire l’agire di Dio, il modo in cui egli ci ama, credo sia presuntuoso. Sia un tentativo di far causa a Dio e giudicarlo, tralasciando di pensare che in fondo in questa valle di lacrime ci troviamo a causa nostra (Isaia 59: 1-4). Non siamo migliori di Adamo, di chi ci ha preceduto o di chi c’è accanto. Non dobbiamo mai dimenticare che “è per grazia che siamo salvati” (Efesini 2:8).

Scrive l’apostolo Pietro che perfino gli angeli cercano di capire l’amore di Dio: l’evangelo (1 Pietro 1:12). Ora, come ribadisce il profeta Isaia “L’argilla dirà forse a colui che la forma: ‘Che fai?’ L’opera tua potrà forse dire: ‘Egli non ha mani?’” (Isaia 45:9).

Umiltà e senso di affidamento è ciò che il Signore ci chiede in questo difficile e drammatico periodo storico.

Avere fede, significa anche accettare i propri limiti ed essere umili e fiduciosi di fronte alla vita così dolorosa e incerta. Pertanto “accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia, per ottenere misericordia e trovar grazia ed essere soccorsi al momento opportuno” (Ebrei 4: 14-16).

Che il Signore ci benedica!

Pastore Francesco Zenzale F.zenzale@avventisti.it cell. 366.5337995
Contatto skype: francesco.zenzale

Corsi di formazione online: Il senso della vita” – “Il libro di Daniele” – “L’Apocalisse” – “Ascolta la Parola” – “La Bibbia: Istruzioni per l’uso” – “Alla conquista dell’autostima” – “Quale Maria?”.

Share Button